Wednesday, December 26, 2007

Notizie natalizie

In Olanda, 4 bambine sono morte nell'incendio di un ristorante cinese,
causato a quanto pare da un cavo surriscaldato delle luminarie sul
soffitto.
Toh, prodotti cinesi difettosi: chi l'avrebbe mai detto?


L'Egitto vuole il copyright sulle piramidi.
Peggio della Disney. E, implicitamente, l'ammissione che costoro, da
svariati secoli a questa parte, non hanno saputo produrre un cazzo che
valesse qualcosa.


Due stranieri espulsi dall'Afghanistan con l'accusa di contatti coi
talebani
. Si tratterebbe di un alto funzionario ONU e del capo della
missione UE. Ma pensa te.


In Francia, dopo la messa natalizia, 65 persone sono state colpite da capogiri e svenimenti. Miracolo? Esperienza mistica? No: monossido di carbonio.

Tuesday, December 11, 2007

Mamma li Turchi

Dice: ma la Turchia è Europa, ma non discriminiamoli, non gettiamoli nelle braccia del fondamentalismo, eccetera.
E poi leggi di un simpatico pirlacchione che vorrebbe la sconfitta a tavolino dell'Inter, rea di aver indossato contro il Fenerbahce una divisa che, udite-udite, "ricorda il simbolo dei Templari"
"Quella croce ricorda giorni sanguinosi", signori miei, manifestando inoltre "una forma esplicita di superiorità razzista di una religione".
Bene, prendiamo il pirlacchione in parola. Bandiamo dall'UEFA la federazione calcio turca, almeno finché continuerà ad avere nel logo la mezzaluna islamica, odioso simbolo di superiorità razzista di una religione.
E fino a prova contraria, i 'giorni sanguinosi' di Lepanto e Vienna sono più vicini delle Crociate: quindi, prima si civilizzino, poi semmai potranno giocare a calcio con le nazioni civili.

Wednesday, December 5, 2007

Treviso mon amour

Agenti di polizia di Roma e Firenze, carabinieri della Compagnia di Anzio e Vigili Urbani locali sono stati colpiti oggi da una fitta sassaiola durante lo sgombero di cinque edifici abusivi.


«Sarebbe giusto fargli capire come ci si comporta usando gli stessi metodi dei nazisti».

Oddio, forse proprio giusto, no; magari gli stessi identici metodi, neanche.
Però

Sunday, November 18, 2007

Manifestazione razzista

Ma voi ve li immaginate i cori, i rantoli, gli ululati degli indignati in servizio permanente effettivo, se chessò, in quel di Erba, degli indigeni avessero manifestato in piazza la loro solidarietà etnica verso uno dei presunti assassini, per l'unico, evidente motivo che si tratta di uno dei Loro, mentre la vittima è una degli Altri?

Una pietra sopra

At least seven Palestinians were shot dead and scores more were injured yesterday as (...) security forces opened fire during a rally in Gaza City. (...) Up to 250,000 people took part in one of the largest political rallies held in the Palestinian territories in recent memory.
But it ended in pandemonium after 90 minutes when some Fatah supporters hurled stones at (...) personnel, members of the (...) executive force (...) opened fire, and thousands of others who had taken part in the peaceful rally scrambled for cover.

Seven Killed, Over 90 Wounded by Excessive, Indiscriminate Force
Human Rights Watch interviewed three shooting victims from the demonstration and five eyewitnesses, as well as hospital, health ministry and interior ministry officials in Gaza. The testimony reveals that (...) security forces, which at times came under attack from stone-throwing demonstrators, opened fire in an indiscriminate manner on parts of the crowd, killing seven and wounding many more.

Chissà perché, chissà percome, chissà comemai, i siti informativi italiani pare non ne parlino, tranne due fonti di orientamento opposto come il Giornale e Granma.
Non so perché, non so percome, non so comemai, ma io ho come il sospetto che questo silenzio sospetto abbia a che fare con l'identità degli autori del massacro di civili inermi i quali, com'è sacrosanto diritto di tutti gli okkupati, ad un certo punto si sono messi a lanciare pietre contro le forze okkupanti: e cosa c'è di più vile, odioso, nazista dell'aprire deliberatamente il fuoco contro dei civili innocenti che lanciano delle innocenti pietre? Almeno, così ce l'hanno sempre raccontata i media controllati dall'onnipotente Lobby Ebraica, no?
Invece, guarda un po', guardacaso, haivistomai, quando la mattanza viene compiuta da forze altrettanto okkupanti, altrettanto oppressive e altrettanto invise alla popolazione (o almeno alla parte di essa che è scesa in piazza), ma non di Razza Ebraica, ecco che la notizia come dire, come spiegare, com'è, come non è, sembra non commuovere, non indignare, non interessare più.

Thursday, November 8, 2007

Visti da fuori

I soliti italiani...
Hat tip: Totanus

Mai più senza

Un comodo, indispensabile accessorio da tenere a portata di mano quando siete a letto.
Hat tip: Totanus

Perversioni

Ebbene sì, lo confesso: a me le biondine slavate m'attizzano.

Monday, November 5, 2007

Le parole sono importanti

Eggià:
Credevate che il cognome piu' diffuso in Italia, fosse Rossi? Una volta, forse, ora e' Levi: da un po' di tempo in qua sembra che si chiamino tutti cosi'. (...) Mai avuto nulla a che ridire sugli ebrei, ne' in quanto "etnia", ne' in quanto "minoranza religiosa", ma, osserverei rispettosamente, che per essere solo trentamila, sembrerebbero essere dappertutto. (...) e vorrei ben vedere che per "combattere l'antisemitismo" si dovesse vietare a tutti cittadini di una, comunita' nazionale, di potersi esprimere liberamente. (...) Riccardo Pacifici ... ha rilasciato un'intervista al giornalista, e correligionario, Fabio Perugia, sul quotidiano Il Tempo, circa la proliferazione dell'antisemitismo sul web e, dopo nemmeno un mese, un altro correligionario, ma anche sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, di nome Francesco Ricardo Levi ne propone una regolamentazione con l'alto avallo della Presidenza del Consiglio stessa. Manca solo il Magistrato (magari correligionario) che applichi la nuova legge creando il precedente giuridico per ogni successiva applicazione, ma scommetto che questo Magistrato c'e' gia' ed e' pronto alla bisogna.
Siamo sicuri che il denunciare una simile prassi anomala possa rientrare semplicisticamente nelle fattispecie dell' "antisemitismo" o del "complottismo"? (...) e' uno stratagemma che rivela da se', come per alcuni la sicurezza degli ebrei in Italia sia piu' importante che non la liberta' degli italiani.

A parte che gli ebrei italiani sono, appunto, italiani a tutti gli effetti da secoli e secoli, secondo costui in Italia avremmo una Lobby Ebraica potentissima, ma potente, ma tanto potente da tenere sottoscacco l'intero governo del Paese, dettandogli le leggi sul 'cosiddetto "negazionismo" dell'Olocausto'... ma che si ritrova contro 'pressoche' tutto il Parlamento e almeno 100 storici imbufaliti' (di non stretta osservanza giudaica, of course).
Tanto per essere piu' chiaro:

1) Legge Mancino: - i suggeritori furono il caporabbino di Roma Elio Toaff e il deputato repubblicano Enrico Modigliani, il vero artefice della legge.
2) Legge Mastella: Per far ciò, l'ADL ha designato un suo rappresentante in Italia, un avvocato membro di tutte le organizzazioni sioniste, possibili e immaginabili, un certo Alessandro Ruben collaboratore di Mastella.
3) Legge Prodi Levi: suggeritore Riccardo Franco Levi.

Che hanno mai in comune gli attori e le comparse di questi fatti?

Meditate, gente, meditate. Per il Nostro:
I "negazionismi" e gli "antisemitismi" possono anche essere repressi, ma in Israele, non in Italia.

Dove, evidentemente, si avrà pure il diritto di essere un po' antisemiti, se a uno gli garba, o no?
Qui i cittadini sono tutti uguali e poi, non mi pare che gli ebrei siano particolarmente discriminati, visto che stanno dappertutto, nelle istituzioni, nella finanza, nell'informazione. Se cio' che ho scritto corrisponde al vero ci sono parecchi seri motivi per preoccuparsi.

E' proprio vero, girando per internet s'incontra un sacco di bella gente, compreso un Sauro di una specie ben conosciuta e - state tranquilli - ben lungi dall'estinguersi.

Io sto con Musharraf

Armata di bastoni e manganelli la polizia pachistana ha caricato e arrestato oggi a Karachi un centinaio di avvocati

Jamahiriya (aka Repubblica)

Ci sono dei sospetti su un cuoco nordafricano, uno che lavora in uno dei pub frequentati a Perugia dalle studentesse inglesi, da Meredith e dalle sue amichette. "E' il tipo di taglio alla gola" che agli inquirenti fa in qualche modo pensare all'islam.

Apperò: e chi l'avrebbe mai detto?
Mai sottovalutare il potenziale didattico dei sussidi audiovisivi: a forza di video di sgozzamenti celebrati al grido di 'Allah u akhbar', imparano pure i giornalisti di Repubblica.

Thursday, November 1, 2007

Rom brava gente

Lo dice pure Newsweek (in un articolo pieno di spocchia e inesattezze: 'sinti' non è un "pejorative local term" per "Roma" - il plurale di Rom - ma il nome di un'altra etnia: bastava Wikipedia, per evitare un po' di arroganza cialtrona da giornalista colonialista): siamo noi che li discriminiamo, che gli riduciamo persino l'aspettativa di vita, povere stelle - 47 anni invece di 80 per i gagi.
Sarà stato per quello, per reintrodurre un po' di equilibrio e giustizia, che il bravo Rom di turno ha pensato bene di massacrare una gagia di 47 anni.
Dice: ma sarà un disgraziato, come ce ne sono ovunque.
Al tempo: intanto il disgraziato, se aveva degli istinti sessuali predatori come altri disgraziati, si è ben guardato dal soddisfarli su una delle tante femmine della stessa etnia che avrebbe potuto avere a disposizione nei dintorni (le zingare hanno la pubertà precoce), perché sapeva benissimo che, in quel caso, i suoi connazionali non si sarebbero scomodati a scomodare la giustizia dei gagi ma si sarebbero arrangiati col coltello, asportandogli la parte offendente in men che non si dica; il disgraziato in questione non è certo scemo, in compenso è razzista e il suo crimine si può qualificare come stupro etnico.
Altra differenza sostanziale: dato che la vittima aveva avuto l'accortezza di sceglierla al di fuori della propria etnia, il 'disgraziato' ha potuto contare sull'usuale solidarietà omertosa della sua comunità, rotta soltanto da una donna coraggiosa, non a caso subito data per matta o peggio.
Il razzismo è né più né meno di questo: il peggiore e più figlio di puttana dei 'nostri' è sempre meglio del migliore dei 'loro'.
Infine, trovo insopportabilmente ipocrita l'atteggiamento di un governo che, dopo essersi affrettato - persino più degli altri Paesi UE - a far entrare cani e porci sul proprio territorio, adesso si accorge che - mavà? - c'è l'emergenza criminalità: deboli coi prepotenti, capaci solo di squittire in favore di telecamera; è questa la classe dirigente che ci ritroviamo, Veltroni in primis.

Saturday, October 27, 2007

Pagherete caro, pagherete tutto

E poi ci sono i risarcimenti per l'incendio del carcere di Marassi (oltre 82 mila euro), per i danni ai blindati e alle camionette di polizia e carabinieri (20 mila euro) durante la guerriglia urbana, per le lesioni provocate ad agenti e militari negli scontri di strada

Lo trovo giusto e sacrosanto: se si vuol giocare ai bambinoni stronzi, almeno si sappia che non lo si può sempre fare aggratis.

Thursday, October 18, 2007

Sushi Sharia

Milano, rifiuta sigaretta: stuprato

E già il titolo è tutto un programma. Ma come al solito, c'è di più:
Sono finiti in carcere Htem Darwish (quello che materialmente ha consumato lo stupro) e Samh Gana Meslhe (che ha partecipato alla rapina e poi ha controllato che nessuno arrivasse quando il giovane è stato violentato). A detta della polizia la violenza è stata particolarmente brutale e la vittima ne è uscita scossa.

Per gentiluomini simili, io sarei per applicare una particolare variante della sharia: gli si estrae a forza l'arma del delitto - nonché la parte del corpo più rappresentativa - la si depone delicatamente su un tagliere, dopodiché la si affetta a tocchetti, a mo' di sushi, dall'apice alla base.

Useful Idiots for Dummies

Se cercate un esempio pratico che chiarisca la definizione di (in)utili idioti, non cercate oltre:
"La moschea di colle val d'elsa rischia la chiusura e il fallimento di un progetto di integrazione civile. (...) Per la cupola servono 130 mila euro che non ci sono.

Si è pensato a costituire una cooperativa di volonariato che metta insieme elettricisti, idraulici, muratori, imbianchini e ridurre questa spesa al minimo."

E già tutto questo zelo stakanovistico per dare più forza a ciò che i comunisti veri, quelli di una volta, chiamavano l'oppio dei popoli (o crack, nella versione islamista), sarebbe notevole. Ma c'è di più:
E si, onestamente penso che non gradiscano il nostro aiuto, nè come singoli nè come partito, ma ci sono venuti a cercare per un appoggio politico e come partito locale abbiamo abbracciato la causa esponendoci alla berlina dei nostri stessi elettori. Abbiamo perso un mare di consensi, ma siccome riteniamo che l'erba che calpesti te posso calpestarla anch'io, che non esiste una terra vicina a un altra perché la proprietà non esiste su niente di niente, ne è nata una questione di principio.

Thursday, October 11, 2007

P.D. (Porcate Democratiche)

Articolo 7
(Candidature)

1. (...) A pena di inammissibilità, le liste devono essere composte alternando candidati di sesso diverso. A pena di inammissibilità, se il numero di liste tra loro collegate in ambito circoscrizionale è pari, non più della metà di tali liste possono avere come capolista persone dello stesso sesso; se il numero di liste tra loro collegate in ambito circoscrizionale è dispari, la differenza di numero tra capilista di sesso diverso non può essere superiore a una unità.


Articolo 11
(Procedimento elettorale)

5. Gli elettori possono esprimere un unico voto in un’unica colonna di ciascuna scheda.

Articolo 12

(Assegnazione alle liste dei seggi per l’Assemblea Costituente Nazionale)

6. Il presidente dell'Ufficio centrale circoscrizionale, in conformità dei risultati accertati dall'Ufficio stesso, proclama eletti, nei limiti dei posti ai quali ciascuna lista ha diritto, i candidati in essa presenti seguendo l’ordine della lista stessa.


Insomma, liste bloccate ed eletti determinati dall'ordine prestabilito, come con la Porcatona di Calderoli, che evidentemente ha fatto scuola. Con l'aggravante che in questo caso metà degli eleggibili (e per ciò stesso degli eletti) deve avere il pisello, metà no.
E' questo l'unico criterio stabilito, quindi l'unico considerato rilevante. Bella democrazia, già: democrazia del cazzo.

Io sto con Azouz

Pena di morte? Sì, grazie, volentieri.
Anche per gli spacciatori, però.

Sunday, October 7, 2007

Razzisti alla rovescia

Sono un docente e ho avuto classi con ragazzi cinesi, rom e marocchini. Sono persone meravigliose! Al confronto i giovani arditi di stirpe italica trascorrono il loro tempo su internet, magari nel blog di grillo! Beh… Loro internet se lo possono permettere, loro…
Il problema delle periferie italiche lo conosco bene avendoci vissuto per anni. Conosco bene la mentalità, la arroganza degli italiani che ci vivono e che è tipica di chi non ha mai ricevuto un minimo di istruzione. Tutto gli è dovuto e guai se qualche “straniero” entra nel loro piccolo mondo!
Se devo prendere le difese di qualcuno lo farò comunque e sempre nei confronti dei rom, dei cinesi, dei marocchini.

Wednesday, October 3, 2007

La saggezza degli antichi (e dei moderni?)

Be diligent, my son; cross road and city in the heat of day;

Gather for the winter, garment and steed, ox and sheep,

But in all innocence. Pierce the fool's right eye,

Muzzle his mouth, break his teeth.

Così, per quando vi serve una morale per una delle tante storie che ci raccontiamo, che vi raccontano, che non sapreste come raccontare.
L'importante è vivere per raccontarle.

And the Moral Is...

Anche in questa storia ci dev'essere una morale, eppure, come al solito, mi sfugge:
Secondo quanto spiegato stamani, quella che sulle prime era parsa una rissa, è stata invece l'aggressione di due giovani nei confronti di altri due, rei di aver tentato di difendere il pachistano, uno dei tanti venditori di rose che si aggirano nei locali della Milano notturna, per sbarcare il lunario.

Tuesday, October 2, 2007

Il fumo uccide

Non è per dire, ma io l'ho sempre detto:
probabilmente è stato apostrofato dalla figlia che lo rimproverava di fumare troppo, ha preso la pistola calibro 22 che teneva in casa e ha colpito la ragazza alle spalle con quattro colpi di pistola uccidendola all'istante.
E' come per i BR: è più forte di loro, non riescono a togliersi il vizio.

Una legione di seghe mentali

Adesso, io non ho niente contro la masturbazione. Dico sul serio. Uno s'arrangia come può, o come crede. Lungi da me giudicare chi decide, per un motivo o per l'altro, di fare sesso con una persona che in fondo stima e ammira (o almeno si suppone che). Quindi ben vengano anche le fantasie, d'ogni sorta e intensità: quelle, oltretutto, non hanno mai fatto male a nessuno; nessun caso registrato di cecità, o pustole, o tunnel carpiale - al massimo qualche tuffo carpiato nell'inebetimento, ma per lo più senza conseguenze durevoli.
Però cazzo, c'è un limite a tutto, cristodundio. Se proprio dovete fare certe cose, nascondetevi, non fatevi vedere dai bambini, vergognatevi almeno un po':
è un capolavoro necessitato da un indentramento che l'autore ha compiuto con evidente sforzo veritativo. Le invenzioni non sono paghe della sorpresa che spalancano nel lettore: esse significano, scardinano. Uno è denudato dalla lettura. Il male naturale e il male umano sono i binari su cui corrono azioni e riflessioni, percorrendo la gamma intera di ciò che tentiamo di scordare; ciò che siamo in quanto specie, l'umano quintessenziato.
Ve lo chiedo in quanto umano, faccio appello alla vostra quintessenza: trovatevi urgentemente un oggetto (narrativo o no) su cui sfogare le vostre libidini malsane, cercate sul GPS un percorso alternativo per il vostro viaggio argonautico alla ricerca dell'ineffabilità cupa e gloriosa delle catabasi.
Siete al limite del tollerabile, anzi già oltre. Fate qualcosa. Curatevi. Arrestate questa discesa infera e abbacinante, smettetela di denudarvi nella lettura.
E copritevi quel nucleo vuoto, che non è un bel vedere, su.

Thursday, September 27, 2007

Soluzione Finale

...del problema dei lavavetri?
Basta fare come in Germania: eliminare i semafori.
Però non è neanche tanto giusto, in fondo: non sono i semafori a rompere i coglioni, nessun semaforo ha mai preso nessuno a male parole né gli ha rotto il tergicristallo. Sarebbe come prendersela coi sintomi perché non si ha il coraggio di affrontare la causa.
Come quando ti vietano di portare liquidi in aereo:
Baby formula doesn't kill people. Islamic fascists kill people.

Il Tramonto dell'Occidente

Capisci che ormai la Civiltà Occidentale è al crepuscolo e le tenebre
si fanno sempre più cupe quando, a lato di uno slideshow sulla mostra
dedicata all'"ultimo Tiziano", ti propongono i seguenti

Approfondimenti

(scorrere la lista fino in fondo, please):

* Tiziano - Wikipedia
* Tiziano su Kataweb News
* Cinema Tiziano - Roma - scheda cinema - TrovaCinema - la Repubblica.it
* Tiziano ritrattista - Recensioni - Arte - Repubblica.it
* Tiziano Ferro su Repubblica News
* Musica: Scamarcio nel nuovo videoclip di Tiziano Ferro
* Tiziano Ferro su Kataweb News
* TIZIANO FERRO Parte il 20 gennaio da Ancona il "Nessuno è solo" tour
* TIZIANO FERRO ospita RAFFAELLA CARRA' nel suo concerto romano

Tuesday, September 18, 2007

Les Misérables

Sono cresciuti e vivono in un paese come questo, con questi miserabili esempi.

Se c'è una cosa che odio più dell'odio e dell'intolleranza, è proprio il pietismo buonista e piagnone.
Quello del volémose bbene, della carità predicata con le chiacchiere proprie e praticata col portafogli altrui, dell'indottrinamento sinergico delle coscienze a cura della Curia e dei suoi tirapiedi baciapile, dei taroccamenti cialtroni della Storia: Dante esule lo era sul serio, per principio e non per soldi, non rubava, non spacciava e non molestava la gente ai semafori; e finiamola di fare accostamenti a cazzo, cazzo.
E la colpa della 'più grave sciagura navale nella storia del Mediterraneo', fino a prova contraria, è dei moderni negrieri che stipano di carne umana qualsiasi catorcio per poi spingerlo verso le nostre coste: ci si occupasse e preoccupasse di questo, invece di sbrodolarsi con gli 'infusi' di 'sentimenti di fratellanza, la consapevolezza dei diritti fondamentali', blabla. NON esiste il diritto d'invasione di un Paese sovrano, ci si rassegni.
E poi dice che la gente diventa 'intollerante'.
E poi: chi glielo va a dire a Cofferati?

Istanbul da bere

Più che altro, vorrebbero darci da bere che la Turchia dove succedono queste cose sarebbe 'Europa':

"Smettete di suonare le campane/ e di essere armeni/ la gente e la
nazione/ non bevono tutto questo/ sul Mar Nero/ sul Mar Nero".

Germania Anno Zero

Dice: ricomincia la caccia all'ebreo. Per ora a qualche esemplare
isolato, ma si organizzerà presto, non dubitate, la nuova Herrenrasse
recentemente importata e già sì ben attecchita sul suolo tedesco,
tanto da saper esclamare 'sporco ebreo, t'ammazzo' nell'idioma locale
anche nella foia da accoltellamento.
Come quell'altro, anche lui a Francoforte, visto qualche tempo fa, anche
lui giovane, anche lui con due femmine a fianco, seduti ai tavolini di
un bar, lui con quella palandrana sulle ciabatte, lo zucchetto in
testa e la barbetta da caprone, loro imbacuccate tanto da dover alzare
uno spiraglio dal bavaglio che portavano in faccia per poter mangiare
qualcosa, lui che scrutava tutto e tutti con uno sguardo pieno di
disprezzo che neanche un colonizzatore dell'Ottocento col casco di
sughero in mezzo ai selvaggi e con un odio infinitamente superiore,
visto che il colonizzatore europeo poteva vantare una superiorità
concreta, indiscutibile, tale da dargli una sicurezza di sé che il
conquistatore nel nome di Allah deve cercare soltanto nel rancore
sordo del suo senso di manifesta inferiorità rispetto a una civiltà
che non capisce, che disprezza e odia ma di cui gode parassitariamente
i frutti.

Tuesday, September 11, 2007

Razzismo mainstream

Qual è l'essenza del razzismo?
Sul mio personalissimo cartellino, guadagna Punti Razzismo chi attribuisce ad una categoria di persone determinate caratteristiche innate, solitamente negative, per il semplice fatto di appartenere a quella categoria.
Sentite ad esempio Joni Mitchell:
«Per ascoltare i miei dischi c'è bisogno di emozioni e profondità. Sono due caratteristiche che non appartengono ai maschi bianchi ed eterosessuali che controllano la stampa».

Oh, quale coacervo di stronzate, in due sole frasette!
Si potrebbe facilmente replicare sullo stesso tono (visto che parliamo di una musicista) e attribuirle all'inacidimento di un'attempata zitella già femme fatale della scena musicale americana, ma io ci vedo qualcosa di meno personale, l'applicazione ottusa degli stereotipi più beceri del razzismo più cialtrone, della serie 'i negri hanno il ritmo nel sangue'. Ecco, sappiatelo, i bianchi maschi etero non hanno emozioni né profondità. E ovviamente controllano la stampa, come ogni sordido potere forte che si rispetti. Chiamarla 'lobby bianca' forse parrebbe brutto persino a una razzista alla rovescia come Joni Mitchell, cervello poco e mal collegato ad una splendida voce (almeno un tempo: d'altronde, una così non poteva che essere tanto ottusa da rovinarsela con una vita di sigarette, come un pianista che passasse il tempo a giocare piantandosi un coltello fra le dita della mano aperta).
Magari potrebbe chiamarla 'lobby etero-WASP', che suona più fine: come 'lobby israeliana' invece di 'ebraica'.
Quando il razzismo si fa mainstream, deve darsi una ripulita, come i gruppi rock 'maledetti' che smettono di insultare il pubblico ai concerti e sfasciare stanze d'albergo, licenziano il cantante attaccabrighe o lasciano crepare il batterista strafatto e lo sostituiscono con uno con la frangetta a posto, firmano per una major e si sistemano.

Saturday, September 1, 2007

The Aubergine God

Ovvero: le ultime frontiere (fintanto che non le sposteranno di nuovo) di quella circonvenzione organizzata d'incapaci che chiamano 'religione'.

Friday, August 31, 2007

Vuaccuà

Capita che giornalisti che vogliono fare le pulci agli altri giornalisti si ritrovino con delle zecche ancor più pruriginose.
Capita per esempio che Luca Sofri sfotta - con la leggiadra leggerezza che gli è solita - una giornalista del Tg3 rea, a suo dire, di aver improvvisato una pronuncia tamarra di 'Laurence Olivier': peccato che il cognome del celeberrimo attore si pronunciasse proprio ə'lɪvɪeɪ.
Forse non dovremo aspettare vent'anni per veder crollare la muraglia cinese, dopotutto.

Tuesday, August 28, 2007

Uomo morde cane

Inaudito! Pare, si dice che la polizia palestinese abbia 'salvato la vita' a un soldato israeliano, invece di sbudellarlo in caserma e gettarne i pezzi sanguinolenti alla folla festante, come fecero quella volta che finirono sui Tg italiani (con relative minacce, scuse e accuse reciproche da parte dei reporter coinvolti e loro precipitoso ritiro dalla zona).
Il tutto con sommo scorno dell'International Solidarity Movement, quei simpaticoni solidali che mandano qualche ragazzetto traviato ed esaltato allo sbaraglio e che ora si chiedono se il gesto sia stato 'umanitario' o 'collaborazionista', visto che il perfido sgherro sionista è stato sottratto alla giusta ira vendicatrice dei fieri e resistenti popolani per l'ennesimo 'crudele assassinio' perpetrato ai danni di alcuni 'residenti' ('Freedom fighters' della Jihad Islamica) qualche giorno prima.

Mainstream Bar

A volte ti accorgi che la realtà ti ha già sorpassato da un pezzo e sta ormai per doppiarti, mentre tu credevi di essere saldamente in testa e invece sei lì che arranchi, con gli ultimi arrivati che ti sverniciano manco fossero Valentino Rossi prima che lo raggiungesse la Finanza.
Ecco, questa è una di quelle volte. Perché se siamo al punto che un sindaco leghista deve copiare le ordinanze anti-lavavetri da un diessino (ammesso che i diessini esistano ancora), allora non si vede proprio più a che serva prendersela con la sinistra (ammesso che la sinistra esista ancora, o serva ancora a qualcosa).
Sono le idee fino a poco tempo fa scandalose, scorrette, scomunicate con un misto di fastidio e supponenza dall'establishment politically correct, che ora si fanno mainstream, conquistando la classe politica di sinistra e i quotidiani più diffusi (il Corriere è già preso, Repubblica è un pezzo che traballa). Qualcuno obietterà (con lo stesso misto di stizza e supponenza di sempre, amplificato semmai dalla strizza di chi si sente franare il piedistallo sotto i piedi) che si tratta di qualunquismo, delle chiacchiere da bar che si fanno opinione rispettabile. Sarà che io non ho rispetto, per le opinioni di chi i problemi concreti, reali, della gente in carne ed ossa non li considera o nemmeno li conosce perché neanche tanto sotto-sotto gli fa schifo, la gente in carne ed ossa, ma preferisco stare dalla parte di chi, concretamente, realmente, giorno dopo giorno, si confronta con problemi che incidono sulla sua carne e pesano sulle sue ossa. E non accetta più di essere deriso e sbeffeggiato, sia dai piccoli, fetenti prepotenti di turno che da chi, pur con la puzza sotto il naso, dei prepotenti è sempre pronto a farsi paladino.
Certo non mi va più, ma questo da parecchio, di stare dalla parte del sociologiume cialtrone che vorrebbe trovare nella Società la colpa e la scusa di ogni comportamento antisociale. Sto molto meglio al bar: la compagnia è decisamente migliore - e sempre più numerosa.

Wednesday, August 22, 2007

Uno che s'è fatto da sé

Praticamente, il mio CV:
has been a shoe-shine boy, a gang member, a boy scout, a dishwasher, a golf caddie, a bowling alley pinboy, a grave digger, a coffin polisher, a hamburger slinger, an automobile worker, a plumber's assistant a human subject in band-aid experiments, a lab assistant charged with brushing hamster's teeth, an organist in a Baptist church, a truck driver, a foreman on an Oregon blackberry farm, an assistant to a private detective, a dialogue coach for several films, a script doctor, a private tutor to the fabulously rich, a translator, and the producer of orchestral music for a silent film.

Monday, August 20, 2007

La sai l'ultima su Hezbollah?

Dice: sapete quanto ci mette un'insidiosa cluster bomb sionista ad uccidere un Hezbollah?
Un anno e alcuni secondi.
Come si fa a calcolarlo? Semplice: alcuni secondi (dipende dall'altezza di lancio, dalla presenza o meno di piccoli paracadute che rallentino la caduta degli ordigni, ecc.) perché la bomba arrivi a terra; un anno perché trovi il cervello dell'Hezbollah.
Non fa ridere? E allora? Neanche il modo del Corsera di dare la notizia fa ridere: che le cluster bombs possano costituire 'un pericolo per i civili', ci credo; ma da quando in qua gli Hezbollah sono 'civili' (in tutti i sensi)?

Esopo Reloaded

L'esperto di cammelli Chris Hill, che da 20 anni offre ai turisti viaggi in groppa ai cammelli, non ha dubbi che il comportamento dell'animale sia stato di natura sessuale. Ha detto che gli animali giovani non sono in genere aggressivi, ma diventano pericolosi se sono trattati come animali di compagnia, senza una ferma disciplina. La donna lo aveva allevato come un cucciolo, e il cammello beveva ancora da un grosso biberon che la donna gli porgeva.

Non so voi, ma io colgo come una specie di morale, in questa storia.

Tuesday, August 14, 2007

Rinsavimenti estivi

Sarà il caldo, sarà che gli ha telefonato Bagnasco, sarà quel che sarà, fatto sta che Cicciobello Rutelli ne ha detta una giusta:
"togliere la patria potestà a chi abbandona o sfrutta minori. ... C'è troppa sociologia, la priorità è dare un futuro a migliaia di bambini: dobbiamo accrescere i servizi e la scolarizzazione ma anche esigere il rispetto della legalità. I diritti umani - conclude Rutelli - debbono valere per tutti, anche per i moltissimi bambini lasciati in abbandono, condotti in schiavitù, costretti all'accattonaggio o ai furti".

Oppure si potrebbero mandare gli zingarelli (da non confondere coi dizionari) a 'guadagnarsi da vivere' a casa dei sociologhi - aspiranti o aspirati - con la patria potestà inclusa nel pacchetto: così, tanto per passare per una volta dalla teoria alla prassi e farsi carico del disagio sociale.

Sunday, August 12, 2007

La seconda che hai detto

Come al solito, più del solito, oggi Galli della Loggia è lucido e spietato:

In Iraq bande islamico-islamiste, con il pretesto di battersi contro gli Usa, si dedicano da anni alla macelleria di poveracci innocenti: come se durante la Resistenza i partigiani avessero fatto saltare in aria i tram di Milano o messo le bombe nei mercatini di Bologna; in Iran un lucido fanatico fa impiccare decine di persone la settimana, colpevoli di reati terribili come aver bevuto un whisky o fatto l'amore con la persona sbagliata: ma qui da noi continua a non muoversi nulla. Efferatezze che commesse da un Pinochet o da un Kadàr avrebbero portato in piazza un milione di persone, commesse nel mondo islamico ci sembrano quasi naturali. Forse perché, al di là di tutte le chiacchiere multiculturaliste, da quel mondo in realtà non ci aspettiamo niente di diverso?

Friday, August 3, 2007

Gustavo Selva è ebreo!

Non ci credete? Confrontate queste due notizie:
davanti alle telecamere di La7, ha ammesso di aver preso un'ambulanza per dribblare i blocchi istituiti a Roma per la visita di Bush e raggiungere in tempo gli studi televisivi.

New York Rabbi Uses Fake Police Car and Siren to Beat Traffic Jams and Speed to his job as a Diamond dealer

Non ci sono più gli ebrei di una volta

Quelli che riuscivano a sterminare i Maya e dare la colpa agli spagnoli:
http://www.youtube.com/watch?v=KP2Fp7vJD4E

Thursday, August 2, 2007

Caino&Caino

"We have no problems with Islamic Jihad. They are our brothers."


Purtroppo?

La fustigazione è purtroppo all'ordine del giorno in Malesia per una serie di reati che vanno dal possesso e spaccio di droga all'immigrazione clandestina.

Monday, July 30, 2007

Fumatori assassini

Io l'ho sempre detto:
Si è avvicinato e ha fatto notare che era vietato fumare. Testimoni affermano che all'improvviso una di queste tre persone ha estratto una pistola e ha sparato diversi colpi.

Bacchettoni stalinisti

"l'on. Mele deve uscire non solo dal gruppo dell'Udc ma anche dal partito e dimettersi da deputato perche' con l'attuale legge elettorale c'e' da rispettare un mandato fiduciario con il partito prima che con gli elettori".

Alla faccia del centralismo democratico - e con tanti saluti alla democrazia. Dimostrazione ulteriore - ove ce ne fosse bisogno - che la porcata di legge elettorale che ci ritroviamo, che consegna tutto il potere alle Segreterie/Soviet, va abolita quanto prima, checché biascichi Don Abbondio Veltroni.

Sunday, July 22, 2007

Buffoni & Boia

Il Guardian s'indigna - e abbastanza giustamente - con le interferenze della Chiesa cattolica e col suo supponente e malriposto senso di superiorità sugli altri culti, chiedendosi:
Ma chi è 'sto buffone romano che rivendica la supremazia attraverso la più grande truffa nella storia intellettuale d'Europa, l'invenzione dell'infallibilità papale da parte del concilio Vaticano del 1870?

Bene, bravi, bis. Solo che la truffa, il credersi e proclamarsi i più buoni i più giusti i più fighi, è stata e viene tuttora commessa da tutte le religioni, o almeno da quelle che pretendono l'esclusiva sulla spiegazione del mondo e dintorni. Con la differenza non da poco che, a parte questo paesucolo di provinciali baciapile, l'influenza reale, concreta del papato sulle cose del mondo è piuttosto scarsina e i tentativi di esercitarla si limitano a qualche bolla: fiato alla bocca, appunto.
E anche quando Ratzinger dice una cosa talmente ovvia, banale ed autoevidente che non ci sarebbe nemmeno bisogno di dirla, ovvero che la modalità di default di affermazione della 'autorità' islamica è la violenza - come ben sapevano gli imperatori bizantini nel Medioevo, come del resto ha fatto la Chiesa stessa per secoli, anche se è un po' che ha smesso - basta fargli 'bù' e subito seguono le precisazioni, il rammarico, le scuse ('cacarella' è il termine tecnico).
Dice: vorrei vedere te. Ma io mica sono il vicario di Cristo in terra. Mica pretendo di mostrarvi la Via, la Verità e la Vita. Mica sono infallibile, io. E nemmeno mi sono impegnato a difendere la mia fede fino al martirio.
Ma a parte il fatto che il 'buffone romano' fa lo sbruffone coi deboli e il pusillanime coi prepotenti, c'è il fatto che altri il monopolio della verità non lo pretendono e cercano d'imporlo solo a chiacchiere, ma mettendo bombe, sgozzando registi, uccidendo adultere e femmine scostumate e disubbidienti. Anche oggi, anche in Occidente. Anche nel Regno Unito, dove gli opinionisti del Guardian si permettono di dare del buffone a chi non gli farà mai torcere un capello, ma ben si guardano dal prendersela coi buffoni barbuti che si credono superiori dall'alto delle loro sanguinarie superstizioni medievali e che potrebbero fargli tagliare la testa.

Saturday, July 21, 2007

Voldemort u Akhbar

Uno legge certe notizie e rimane tra lo schifato e il meravigliato. O meglio, lo rimarrebbe, se non ne avesse già viste tante che ormai glien'è rimasta poca, di meraviglia. Lo schifo, sì, quello si percepisce ancora.
No, dico: riuscire pure ad organizzare un attentato nientepopodimeno che contro Harry Potter. Si può essere più idioti, più meschini, più cialtronescamente retrogradi, più immersi nel percolato della più fetida discarica della Storia?
In altre parole, si può essere più zelantemente e zelotamente devoti a un culto del male (senza maiuscola: sarebbe sprecata) che sarebbe improbabile e fumettistico tanto quanto quello professato dai seguaci di Voldemort, se non fosse tragicamente reale?
E' infatti di questi giorni anche la notizia del bravo e buon imam che organizzava corsi di jihad in una moschea di Perugia. Anche qui, a parte lo schifo per l'ipocrisia e il vittimismo di chi invece predica e pratica la più ottusa e feroce delle violenze contro qualsiasi cosa non capisca - e ce ne sono così tante - dov'è la novità? Frequentavano forse parrocchie, templi buddisti, bocciofile o circoli del tennis, tutti (ma proprio tutti) i peggiori macellai di carne umana un tanto al chilo in nome dell'Ideale che si sono visti all'opera negli ultimi anni in tutto il mondo?
E allora, non si capisce che cos'abbia da lagnarsi il ministro Amato:
" Si conferma, dunque, la necessità di mantenere sempre alta l'attenzione verso luoghi che dovrebbero essere solo di attività religiosa".

Ma tesoruccio di mamma, quelli mica stavano facendo altro: quale attività più religiosa della Guerra Santa, dovere ineludibile di ogni bravo musulmano?
D'altra parte si capisce, e il ruolo istituzionale, e la necessità di non esasperare le tensioni, e la cacarella, e vabbé. Però mica ci si può pigliare pel culo oltre una certa misura, cristosanto.
Perché Amato è lo stesso che, qualche giorno fa, pur di banalizzare, relativizzare, minimizzare la violenza islamica contro le donne, se ne usciva con l'affermativo categorico:
«Nessun Dio autorizza un uomo a picchiare la donna».

Ah no? Amato mio, qui non stiamo parlando di 'nessun dio', bensì dell'Unico Vero. E quello mica autorizza, ordina.
Ad esempio, nella versione italiana a cura dello sciupafemmine Hamza Piccardo (Sura IV, verso 34):
Gli uomini sono preposti alle donne, a causa della preferenza che Allah concede agli uni rispetto alle altre e perché spendono [per esse] i loro beni. Le [donne] virtuose sono le devote, che proteggono nel segreto quello che Allah ha preservato. Ammonite quelle di cui temete l'insubordinazione, lasciatele sole nei loro letti, battetele. Se poi vi obbediscono, non fate più nulla contro di esse. Allah è altissimo, grande.

Oppure nella versione inglese di M. H. Shakir:
Men are the maintainers of women because Allah has
made some of them to excel others and because they spend out
of their property; the good women are therefore obedient, guarding
the unseen as Allah has guarded; and (as to) those on whose
part you fear desertion, admonish them, and leave them alone in
the sleeping-places and beat them; then if they obey you, do not
seek a way against them; surely Allah is High, Great.

O se non vi convince, in quella di Abdullah Yusuf Ali:
Men are the protectors and maintainers of women, because God has given the one more (strength) than the other, and because they support them from their means. Therefore the righteous women are devoutly obedient, and guard in (the husband's) ab sence what God would have them guard. As to those women on whose part ye fear disloyalty and ill-conduct, admonish them (first), (Next), refuse to share their beds, (And last) beat them (lightly); but if they return to obedience, seek not against them Means (of annoyance): For God is Most High, great (above you all).

Ma forse Amato ama troppo poco la propria terra, la propria cultura, in definitiva se stesso per non negare l'evidenza.
Mica è il solo eh? Hai voglia, quanti ce n'è in giro.

Friday, July 20, 2007

La Soluzione

Dice: macché Quota 95, macché Quota Cento, ce l'ho io la soluzione al problema delle pensioni.
Vietate l'aria condizionata agli over 65, e vedrete come migliorano, i conti della previdenza.

Sunday, July 8, 2007

Decisioni meditate

TENTA STUPRO SU DONNA 36 ANNI DOPO AVERLE DATO PASSAGGIO

Tuesday, July 3, 2007

Italistan

Sono stati denunciati dai carabinieri di Rovigo per atti vandalici e blasfemia tre studenti diciottenni che in un istituto superiore della provincia polesana avevano danneggiato il crocifisso di un'aula, riprendendo il tutto con un telefono cellulare. Nelle immagini, messe online su YouTube, si vede al posto del Cristo un foglietto con scritto "torno subito", mentre il crocifisso, appoggiato su un banco, viene distrutto a colpi di bastone, con un sottofondo di urla blasfeme.

A quando le Brigate per la Prevenzione del Vizio e la Promozione della Virtù?

Friday, June 22, 2007

Così vicini, così lontani

I vicini White Trash hanno un dress code piuttosto sull'andante-tamarro con brio.
Anche i vicini Migranti hanno un dress code sull'andante-con-brio, ma meno tamarro.

I vicini Migranti, quando parlano tra di loro, non si capisce un cazzo.
Anche i vicini White Trash, quando parlano tra di loro, non si capisce un cazzo.

I vicini Migranti, quando parlano con altri, si esprimono in un italiano stentato, probabilmente perché non hanno ancora avuto tempo/modo d'impararlo come si deve.
Anche i vicini White Trash, quando parlano con altri, si esprimono in un italiano stentato, sicuramente perché non hanno mai avuto voglia d'impararlo come si deve.

Quando i vicini Migranti litigano, nel loro linguaggio incomprensibile, di solito il maschio urla più forte, ma la femmina urla più a lungo.
Quando i vicini White Trash litigano, nel loro linguaggio incomprensibile, di solito la femmina urla più a lungo, ma il maschio urla più forte.

I vicini White Trash danno ai figli nomi che suonino esotici: Consuelo, Demis, Dheborah, Samanthah, Johnathan (con le acche il più numerose possibile e messe così, alla pene di segugio).
Anche i vicini Migranti mettono ai figli nomi pieni di acche ma messe al posto loro e pronunciate come qualsiasi dio abbiano comanda, nomi che non suonano esotici per il semplice motivo che sono esotici.

I vicini White Trash, se incrociano altri vicini, salutano solo se interpellati e con un grugnito inintelligibile.
I vicini Migranti, se incrociano altri vicini, salutano per primi e con un sorriso.

Ai vicini White Trash piace la musica sentimental-lagnosa, vecchia di alcuni decenni (Drupi, Eagles, Chicago), ascoltata a volume da stadio.
Anche ai vicini Migranti piace la musica sentimental-lagnosa ascoltata a volume da stadio, ma un po' più recente: Paul Young, Whitney Houston, Céline Dion, preferibilmente in versione cover-taroccata.

I vicini White Trash, se qualcuno si azzarda a scendere le scale, suonare il campanello e chiedere educatamente se magari forse potrebbero abbassare per favore la musica ma solo un pochino grazie, non abbassano la musica: lo mandano a cagare.
I vicini Migranti, se qualcuno si azzarda a scendere le scale, suonare il campanello e chiedere educatamente se magari forse potrebbero abbassare per favore la musica ma solo un pochino grazie, non abbassano la musica: la spengono.

Macelleria ellenica

E' visibile su YouTube (registrandosi e dichiarando di essere maggiorenni) il video del pestaggio, in una caserma della polizia greca, di due borseggiatori (due albanesi secondo alcuni, un kazako e un albanese secondo altri). Dura cinque minuti, ma in TV ne sono stati trasmessi una decina e pare che il filmato originale, fatto circolare per divertimento tra i poliziotti ateniesi e realizzato lo scorso settembre, durasse ancora di più.
In realtà è più che altro un 'autopestaggio', visto che i due vengono sollecitati, con chiari e convincenti esempi, ad insultarsi e prendersi reciprocamente a schiaffi. La Grecia è già finita precedentemente nel mirino della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo e delle associazioni umanitarie per episodi analoghi o peggiori (ma che non hanno avuto simile ripercussione mediatica), rimasti sostanzialmente impuniti. Stavolta lo stesso premier Karamanlis ha chiesto 'pene esemplari'. Nel frattempo, alcuni poliziotti sono stati sospesi dal servizio.

Voi scandalizzatevi pure ma io un bel match della serie due-combattono-uno-vive (e si scontra in finale col vincente dell'incontro Castro-Saddam) tra Priebke e Pinochet, prima che morte li separasse, l'avrei organizzato. Come organizzerei un bello scambio di ceffoni umanitari in mondovisione (arbitrato, per maggiore scorno, da qualche nerboruto poliziotto di pura razza ebraica) tra i redattori e gli estensori delle patetiche, piagnucolose, ipocrite porcate sul povero piccolo massacratore zelante che non può più farsi le scampagnate in sella al motorino del suo povero piccolo zelante avvocato che ora dovrà privarsi della sua preziosa opera.

Thursday, June 7, 2007

Friday, May 11, 2007

I Love Forcolandia

Ma porca di una puttanazza d'una troiazza zozza, ma dico: ma possibile che non ci sia mai un cecchino quando serve per piantare un proiettile da rinoceronti nella gran testa di cazzo di quel grandissimo testa di cazzo che si fa intervistare in TV mentre tiene per i capelli quella disgraziata col sangue al naso dopo aver ammazzato il suo convivente come un cane e minacciato di fare lo stesso con lei? E dico: va bene, intervistatelo pure, lasciategli dire le sue stronzate, tenetelo buono (e soprattutto fermo, finché prendete bene la mira). E mandate pure l'intervista in onda, non dico di no, o a un museo criminale che la conservi, insieme a quel po' che resta di quel po' di cervellino da deficiente stronzo dopo che l'avranno raschiato via dal muro.
Basta che gliela piantiate, 'sta pallottola in testa, però. E se gliela trapassa e va a rompere una delle bottiglie di sambuca sullo sfondo, dietro il bancone del bar, pazienza: pago io, che problema c'è?

Tuesday, March 13, 2007

Zingarate

Dice Zamparini che Mutu è un "furbo zingarello rumeno". Cazzate: questo è uno zingarello furbo:
Sono stati due nomadi rom, un dodicenne e un ventenne, a scippare Luciana Segato Zorzi, l'ottantaquattrenne stroncata dalla paura
'Furbo' fino a un certo punto però. No, dico io, trovi la vecchiaccia gagia, le strappi la borsa coi soldi e la sbatti per terra (che tanto si sa, ai gagi i soldi non servono, i gagi servono apposta per farsi fregare i soldi dai Rom) e lei ha pure il buon gusto di crepare: niente più strilli, niente più testimoni, un bel lavoretto pulito. E poi che fai? Butti la borsetta nel cassonetto e ti fai beccare come uno scemo?
Dice: perché la fai tanto lunga, sarà una mela marcia, e poi era piccolo. Intanto qui le mele erano due, e poi queste mele qui sono degnissimi frutti del loro albero genealogico:
È da tempo che la famiglia Duric, originaria di Bjelovar nell'ex Jugoslavia, è nota alle forze dell'ordine per innumerevoli furti
E poi dice che la gente ce l'ha con gli zingari.

Giustizia divina

Dice*: Allah sarà anche grande, non dico di no, ma Jaweh è semplicemente immenso. Perché? dite voi. Beh, se non vi bastassero le innumerevoli prove della Sua infinita saggezza e misericordia, ve ne ha appena fornita un'altra, massa di miscredenti.
Ad Auschwitz, dove aveva avuto il coraggio di mostrare il suo brutto muso, è stato sacrosantamente legnato il barboncino di Ahmadinejad, avete presente? quello di pura Razza Ebraica, quello che non si accontenta di scodinzolare bavoso attorno al suo padrone e di leccargli il muso, nossignori.
Si sa che i cani mangiano anche la merda: è nella loro natura, non si può fargliene una colpa. Questo qui però va oltre: la sua devozione al padroncino lo porta a divorarne goloso gli escrementi antisemiti e a rigurgitarli (gnam-gnam; Ahmadinejad è buooooono; chomp-chomp: mica vero che ce l'ha con gli ebrei, slurp-slurp, solo con gli israeliani, vedete quant'è buooono con me?).
Il disgustoso comportamento gli ha però procurato problemi non solo di alito, tanto che la moglie (che pure non doveva essere di gusti tanto raffinati, visto che se l'era preso) l'ha piantato: cornuto e mazziato (come si dice a Tel Aviv).
Ah, sia chiaro che io non sono razzista, eh? Anzi, mi scuso subito se l'accostamento ha offeso qualche barboncino: i miei migliori amici sono barboncini, figuriamoci; è quando sono fuori taglia e troppo bavosi, che mi danno fastidio.


* = 'Dice' chi? Non so chi è che dice, so solo che è uno che ha delle cose da dire e non le manda a dire, le dice direttamente lui. Uno le cui idee non necessariamente coincidono con quelle della Redazione di questo Blog (come dicono quelli seri), ma che comunque qui è libero di dire quello che gli pare.
Non chiedetemi di più, ché di più non so (e se anche lo sapessi, non verrei di certo a dirlo a voi). Diciamo che è uno che conosco io, o che parla come uno che gli assomiglia, e tanto basta.